La crisi edilizia ci piega ma non ci spezza: con alcune modifiche all’organico amministrativo ed al parco macchine riusciamo ad uscirne incolumi e più forti di prima